Teorema, il libroUna sorte pressoché identica tocca al film Teorema di Pasolini, sequestrato per oscenità il 13 settembre 1968 L'Angelo Terence Stamp in Teoremae autorizzato definitivamente  (dopo 44 metri di tagli) solo nel 1991, e al romanzo Fabrizio Lupo, bandito  negli anni 50 dall’editoria italiana per un quarto di secolo. In entrambi i casi, determinante fu l’anatema della Chiesa, che intervenne in forze a condizionare le iniziative dello Stato italiano e l’opinione pubblica cattolica tradizionalista. Ma, oltre alle disavventure  censorie, ciò che apparenta le due opere, e profondamente, sono i rispettivi : Fabrizio e Angelo, entrambi portatori di scandalosi e sconvolgenti messaggi di liberazione sessuale e in particolare omosessuale. La loro parentela va, a quanto pare, ben oltre le somiglianze superficiali, dato che l’Angelo sterminatore di Pasolini è in una certa misura la reincarnazione del predecessore. Afferma Elena Stancanelli: “Pasolini si ispira al protagonista del romanzo di Coccioli per disegnare il misterioso ospite del film Teorema, e Raoul Bruni: “C’è un biglietto scambiato tra Pasolini e Coccioli in cui emerge l’influenza di Fabrizio Lupo su Teorema.”  Non sembra trattarsi di un caso di plagio, tutt’altro, perché risulta che tra i due ci fosse un rapporto cordiale e di stima reciproca;  ma finora, purtroppo, non è stato possibile riportare in luce il carteggio che lo rifletteva, alla cui esistenza pure da più parti si fa allusione.

http://www.italymovietour.com/news/13-settembre-1968-il-film-teorema-di-p-p-pasolini-sequestrato-dalla-procura/              /http://www.piccolokarma.com/un-suicidio-un-delitto-perfetto/Carlo coccioli davanti ai suoi libri.                                                           Carlo Coccioli con i suoi libri, tra i quali, appunto, Fabrizio Lupo e Fabrizio’s book.

FacebookTwitterGoogle+Condividi